La playlist di Febbraio: nuove uscite musicali

Mentre Gennaio è stato promettente a livello musicale e ci ha fatto ben sperare, è arrivato un pallido e monotono Febbraio. ll panorama musicale di Febbraio si è aperto in Italia con il Festival di Sanremo ormai un festival di mode e gossip più che festa della musica, si è poi contraddistinto per il ritorno degli Alt-J e qualche altra chicca. Vediamole insieme.

E voi cosa avete ascoltato in questo mese?

L’inverno dei fiori di Michele Bravi

Forse se n’è parlato poco, ma l’esibizione e il testo di Michele Bravi confermano la linea artistica che ha deciso di intraprendere e portare avanti. Con serietà e stile si è presentato sul palco di Sanremo portando la sua essenza. Una nota di merito va alla scelta della cover che ha scelto di esibire durante la serata dedicata a queste: una canzone di Battisti può essere un azzardo, se poi si tratta della famosissima “Io vorrei, non vorrei, ma se vuoi…” si rischia di giocare con il fuoco. Invece anche questa prova è stata degnamente superata.

“The Dream”, il nuovo album degli Alt-J

Il gruppo britannico torna con un nuovo album, “The Dream”. Continua la lenta e gratificante fioritura dei dischi degli Alt-J, ciascuno un po’ più generoso, premuroso e ottimista del precedente. Eppure sembra anche il primo a offrire una vera speranza. Mentre Newman canta puoi quasi immaginare un sorriso che gli sfugge. È il suono di una band rivitalizzata, che inizia a inserire sonorità più “luminose” tra le crepe dark a cui ci aveva abituat*.

Emmit Fenn – You

Ora passiamo a sonorità elettroniche con Emmit Fenn, un cantante, cantautore e produttore di paesaggi sonori cinematografici insoliti nel regno dell’elettronica indie. Questa uscita è l’occasione per conoscerlo meglio e scoprire i successi passati che possono esservi sfuggiti. Fenn si è dedicato per la prima volta al pianoforte e alla composizione all’età di 12 anni come mezzo di distrazione dopo che i suoi genitori si erano separati. In seguito ha preso in mano chitarra e violino e ha continuato a studiare composizione e teoria musicale. Era al college quando il suo singolo “Painting Grey” di cui potete vedere l’esibizione al pianoforte nel video qui sotto. Pubblicato nel 2015, il brano è diventato un successo virale, accumulando milioni di ascolti. Fenn ha abbandonato la scuola e ha firmato con la TH3RD BRAIN Records, che ha pubblicato un altro successo in streaming downtempo, “Blinded”, nel 2016. “

Satellite di Suzy

Veniamo ora a questo brano piacevole da ascoltare per quanti amano delle sonorità un po’ grunge di una chitarra distorta e ripetuta. Satellite di Suzy vanta anche un bel video musicale la cui protagonista è una ballerina famosa in sudcorea e nella scena underground e street della danza, Monika Shin.

La canzone esprime i sentimenti che si provano nel voler stare vicino a qualcuno e il desiderio che consuma di qualcosa che non può essere raggiunto. La coreografia della ballerina ben esprime queste emozioni che vogliono uscire fuori e allo stesso tempo consumano.

Honda di FKA Twings (ft. Pa Salieu)

E’ uscito il nuovo album di FKA Twings ricco di collaborazioni, a mio avviso non tutte riuscite. Personalmente preferivo le vecchie sonorità, più ricercate. In questo nuovo lavoro, la cantante britannica sembra cadere in sonorità di moda e aver perso una certa originalità musicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *